distillazione-cover

Distillazione

Quando arriva il giusto momento, al culmine della fioritura, raccogliamo la nostra Lavanda dai nostri campi coltivati rigorosamente a regime biologico. Una parte di essa viene fatta essiccare (per poi essere sgranata e messa nei sacchetti che andranno a profumare armadi, cassetti e piccoli spazi); una parte viene invece destinata alla distillazione per ottenere il nostro Olio essenziale e il nostro Idrolato di Lavanda: due prodotti dalle incredibili proprietà per il corpo e per la mente.

Questo processo di estrazione avviene grazie all’utilizzo di un distillatore in corrente di vapore. Scopriamo insieme come funziona.
Il distillatore è composto da due ampolle: nella prima viene riposta dell’acqua, che verrà portata ad ebollizione; nella seconda, che è collegata alla prima, vengono collocati i fiori di Lavanda.

Portando l’acqua a ebollizione, il vapore prodotto passerà attraverso i fiori catturandone così l’essenza (Olio essenziale) per poi proseguire e raggiungere l’ultimo contenitore tramite una serpentina di raffreddamento. Avendo l’Olio essenziale un peso specifico differente da quello dell’acqua, esso si depositerà sulla superficie del contenitore, permettendone così la separazione.

Et voilà: da una parte avremo il nostro olio essenziale, puro e biologico, e dall’altra il nostro Idrolato, un’acqua aromatica che mantiene gli stessi principi benefeici dell’Olio essenziale.

Durante l’anno non distilliamo solamente Lavanda ma anche Rosmarino, petali di Rosa Damascena e molto altro; l’Olio essenziale ottenuto viene poi utilizzato come componente dei nostri prodotti cosmetici.